Elezioni, nota su doppia preferenza


Ecco la nota degli esponenti di Senso Civico in Giunta e Consiglio Regionale: Ernesto Abaterusso, Cosimo Borraccino, Alfonso Pisicchio, Peppo Turco, Pino romano e Sabino Zinni.

La doppia preferenza libera le donne dalle quote rosa e garantisce pari opportunità. Senso Civico – un nuovo Ulivo per la Puglia porterà in Consiglio la sua proposta di legge. Il via libera da parte del Consiglio dei Ministri alla doppia preferenza di genere alle prossime elezioni regionali in Puglia, è una notizia tanto attesa quanto gradita.

Senso Civico – Un nuovo Ulivo per la Puglia, ha sostenuto fin da inizio legislatura la materia, richiedendo anche la scorsa settimana la convocazione di una riunione di maggioranza (sottoscritta da 12 Consiglieri) sul tema della doppia preferenza e dell’introduzione dell’istituto della sospensione per i consiglieri nominati assessori. Questo, senza alcuna implicazione finanziaria aggiuntiva, permette la nomina in qualità di supplente consigliere del primo dei non eletti della medesima lista.

Tutto il gruppo consiliare ed il coordinamento regionale di Senso Civico- Nuovo Ulivo, plaude ad una scelta doverosa che siamo pronti a formalizzare nella sede del Consiglio, unitamente alla proposta di sospensione per i consiglieri nominati Assessori. Consideriamo questo un passaggio cruciale per le donne, per la politica e per le Istituzioni tutte.

Siamo convinti che l’esperienza delle donne sia necessaria alla vita politica ed amministrativa della nostra regione.
La nozione di parità è un concetto legato alla modernità, alla giustizia sociale, in un’ottica di democrazia sostanziale che supera le quote rosa e offre uno strumento elettorale paritario alle donne. E’ la rivendicazione di un’uguaglianza tra i sessi nella rappresentanza politica, l’applicazione di un principio e non di una percentuale. Ci uniamo dunque all’auspicio del Presidente Emiliano supportando ogni sua scelta sul tema.

Aderisci a Senso Civico

0 comments on “Elezioni, nota su doppia preferenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *