Gio. Lug 25th, 2024

La violenza di genere persiste come un’ombra oscura che oggi, ancora, si abbatte nella nostra società “avanzata”, digitale e iperconnessa. Tuttavia, in un rovescio della medaglia, emerge la fragile realtà in cui la precarietà e l’instabilità emotiva prevalgono. Ogni tre giorni, una donna, di qualsiasi età, perde la vita per mano di un uomo, che sia fidanzato, marito, compagno o ex.

Di fronte a questo scenario e alle notizie di cronaca quotidiane su questo tema, viene spontaneo chiederci dove ognuna di noi, ognuno di noi, potrebbe aver commesso errori, quasi cercando a tutti i costi una ragione che giustifichi tale violenza.

Iniziamo così a riflettere sul ruolo delle comunità educative, che siano la famiglia, la scuola o l’associazionismo. Ci rendiamo conto che, nel combattere questa battaglia, non possono esserci solamente attori e spettatori: tutti dobbiamo essere protagonisti.

È fondamentale insegnare non solo alle nuove generazioni, ma a chiunque che un mondo diverso è possibile, che la diversità arricchisce il confronto e lo scambio, e che rispetto e amore sono i fondamenti dell’uguaglianza. Non si tratta di possedere, ma di amare.

Ogni anno, il 25 novembre rischia di diventare solo un momento celebrativo, un rituale vuoto, simile all’8 marzo. È per questo motivo che è necessario invertire la tendenza, promuovendo nuovi modelli culturali, legati all’educazione ai sentimenti, all’affettività e alla sessualità. Solo così i rapporti di coppia potranno essere veramente paritari e non prevaricatori e ossessivi, evitando di precipitare nella tragica realtà degli eventi che viviamo ogni giorno.

In un mondo che cerca costantemente la connessione, è ora di connettersi attraverso l’empatia, il rispetto, il dialogo e la consapevolezza. Affinché sia possibile creare una società libera dalla violenza di genere.

Una sfida che possiamo affrontare insieme e non solo durante una giornata celebrativa. L’appello è chiaro: educare le generazioni presenti future, rompere gli stereotipi e impegnarsi per una società in cui la violenza di genere sia un ricordo brutto del passato, non una realtà presente.

Gruppo Pari Opportunità Senso Civico per la Puglia

Contattaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *